Il fantastico

La letteratura della trasgressione

Copertina

di Rosemary JACKSON
Traduzione dall'inglese: Rosario Berardi
Titolo originale: Fantasy: The Literature of Subversion (1981)
Napoli, 1986, Tullio Pironti Editore
ISBN: 88-7937-031-6
Br, dim. [hxl]: 210x135, pagine: 208, prezzo: Lire 25000
Copertina: n.i.



Note di copertina

L'autrice di questo saggio, Rosemary Jackson, si schiera contro le interpretazioni vaghe della letteratura fantastica vista come semplice evasione dalla realtà e propone di rivalutarla senza relegarla ai margini della cultura, senza smorzare il suo effetto trasgressivo a tutela degli ideali della classe dominante, senza renderla invisibile.
Nella parte teorica generale Rosemary Jackson fa un'analisi critica dell'ormai ben nota opera seminale Introduction à la littérature fantastique (1970) di Tzvetan Todorov, ampliando le idee del critico bulgaro - molto attivo in Francia - e autore tra l'altro su questo argomento, di «I fantasmi di Henry James» in Poétique de la prose, Paris, 1971 e di «Il fantastico nella narrativa» in Twentieth Centry Studies (1970), e prendendo in considerazione gli aspetti della teoria psicoanalitica più significativi per l'interpretazione del fantastico. Nel considerare questa forma letteraria, per prima cosa come espressione delle pulsioni inconsce, ella mette in risalto l'importanza delle opere di Freud e dei teorici successivi che si sono cimentati nell'individuazione di alcune tematiche ricorrenti del suddetto modo lette rario, come il doppio o i soggetti multipli, le immagini speculari, la metamorfosi e la disintegrazione dei corpi.
Nel libro l'autrice espone le sue idee critiche sulla narrativa gotica, le opere fantastiche classiche del periodo vittoriano, il «realismo fantastico» di Dickens e Dostoevskij, i racconti di Mary Shelley e su alcuni testi di James Hogg, E.T.A. Hoffmann George Eliot, Henry James, Joseph Conrad, E.A. Poe, R.L. Stevenson, Franz Kafka, Mervyn Peake e Thomas Pynchon. Attraverso l'interpretazione di queste opere, spesso espressione di bisogni sociali e desideri mai appagati, Rosemary Jackson arriva alla conclusione che le opere esprimenti una tensione tra l'immaginario e il simbolico sono le più trasgressive fra tutte e perciò le più idonee ad essere rivalutate. La Jackson, autrice tra l'altro di un articolo sul fantastico vittoriano: «The Silenced Text: Shades of Gothic in Victorian Fiction», Minnesota Review, 13 (Fall, 1979), pp. 98-112, ben si colloca fra gli autori di saggi sul fantastico più interessanti, come I. Bessière, C.N. Manlove, E.S. Rabkin, E. Belevan, S. Prickett, C. Brooke-Rose.


Indice

    Introduzione all'edizione italiana di Rosario Berardi
    1. INTRODUZIONE
	
    PARTE PRIMA: TEORIA
    2. IL FANTASTICO COME MODO
       L'immaginazione in esilio
       L'analisi del reale
       Il meraviglioso, il mimetico ed il fantastico
       Non-significazione
       Topografie, Temi e Miti
    3. PROSPETTIVE PSICANALITICHE
       Il perturbante
       Metamorfosi ed entropia
       Corpi disintegrati
	
    PARTE SECONDA: TESTI
    4. ROMANZI E RACCONTI GOTICI
    5. IL REALISMO FANTASTICO
    6. IL FANTASTICO VITTORIANO
    7. DALLA METAMORFOSI DI KAFKA ALL'«ENTROPIA» DI PYNCHON
    8. CONCLUSIONE: L'«INVISIBILE» DELLA CULTURA
    Note
    Bibliografia
    Indice dei nomi e delle opere

Home Page
Home Page
Bibliografia
Bibliografia
JRR Tolkien
J.R.R. Tolkien
Libri
Elenco Libri su Tolkien
Autori
Elenco Autori
Riviste
Elenco Riviste
Riviste
Forum

Soronel Questa pagina è stata realizzata da:
Soronel l'Araldo